info

cancel

trainLa Serbia accelera i tempi sui treni ad alta velocità

Fervono i lavori per la linea Belgrado-Novi Sad

Ferrovie dello Stato Italiane

L’alta velocità ferroviaria è uno dei pensieri principali della Serbia per quel che riguarda la mobilità dei prossimi anni. La Nazione balcanica è intenzionata a puntare con decisione su questo tipo di convogli, convinta di poter rinnovare e ammodernare le proprie infrastrutture. In che modo? Qualche tempo fa c’erano dei problemi nel rapporto con gli appaltatori di nazionalità straniera, in particolare per la costruzione di una delle linee Tav su cui si fa maggiore affidamento. Si sta parlando della tratta che collega la capitale Belgrado con un’altra importante località serba, Novi Sad. Ora gli ostacoli sembrano essere stati superati e il progetto potrà seguire il suo normale programma. La deadline prevede il completamento della costruzione entro la fine del 2021, di conseguenza i prossimi mesi saranno determinanti in tal senso.

Gli ultimi e incoraggianti aggiornamenti sono stati resi pubblici da Tomislav Momirovic, ministro delle costruzioni e trasporti del posto. Il cantiere della Tav è stato appena visitato e le impressioni del titolare del dicastero sono state più che positive. La costruzione è in corso nei pressi di Zemun Polje e le dichiarazioni di Momirovic sono state eloquenti. Secondo il ministro, “si firmerà presto un memorandum con i nostri partner cinesi, ma ciò che è importante per noi è che questi treni siano conformi allo standard europeo e che corrispondano ai treni della più alta qualità che circolano sulle ferrovie europee. Deve essere entro la fine dell’anno”. I convogli da utilizzare in questo caso dovrebbero poter raggiungere velocità pari a 200 chilometri orari secondo le prime stime che sono state condotte. La ferrovia Stara Pazova-Novi Sad dovrà invece completata entro ottobre prossimo, in modo da collegare le località principali del Paese in soli 25 minuti.