info

Transport press agency

directions_boatSeastema (Fincantieri): "Light Bridge Console" in versione Captain Chair equipaggia Benetti Oasis 40M

Ordinato a luglio 2019, il primo sistema è stato realizzato e consegnato in un anno

L’idea si è concretizzata grazie ad un design di assoluto prestigio realizzato da Seastema (Gruppo Fincantieri), che prevede due coniugazioni di console: la “Light Bridge Console” installata sul modello Diamond 145 e la “Light Bridge Captain Chair” installata sul modello Oasis 40M. In entrambe le soluzioni è stata utilizzata la fibra di carbonio al fine di ottenere una struttura sottile e leggera con grande resistenza e silenziosità. Lo sviluppo dei due progetti è stato possibile grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie software per l’integrazione dei sistemi messe a punto da Seastema attraverso la piattaforma SEASYacht con tecnologia Mpev (Marine Portale EVolution) di ultima generazione per la realizzazione dell’interfaccia operatore.

Con il modello Oasis 40M, la console di plancia lascia il posto a due piccole “penisole”, assimilabili ai braccioli della “Captain Chair”, che lasciano completamente aperta la visuale del comandante verso il mare. Il primo importante risultato di questo progetto è installato sulla “First of Class” del modello Diamond 145 consegnata a luglio con grande soddisfazione del cliente e del cantiere.

Il sistema elettronico di comando e controllo è lo stesso, con importanti caratteristiche:

Ordinato a luglio 2019, il primo sistema è stato realizzato e consegnato in un anno. L’installazione, il cablaggio e l’avviamento della console è avvenuto in pochi giorni, dimostrando la caratteristica annunciata di sistema “Plug and Play”. Il sistema prevede una navigazione di tipo integrato con radar in banda X e cartografia elettronica certificati, cartografia turistica, conning display Seastema, log ed echo sounder di tipo certificato, Ais, Dgps, comunicazioni Gmdss di classe Reg-Code.

Queste console di plancia sono rivoluzionarie ed innovative in quanto consentono di liberare volumi nel locale e scoprire la visuale verso prua, con un design sottile e leggero, esteticamente gradevole e tecnologicamente all’avanguardia. Lo scopo è quello di trasformare il locale di plancia in uno spazio vivibile, proteso verso il mare e che offra nuove opportunità di sviluppo architettonico prima impensabili.