info

directions_carI monopattini elettrici inquinano quasi quanto un'autovettura

Le conclusioni di una ricerca di Arcadis

Anas Anas

Potrà sembrare un paradosso, ma i dati parlano chiaro. Secondo quanto accertato da uno studio condotto da Arcadis, società specializzata nella progettazione e consulenza urbana, l’impatto ambientale dei monopattini elettrici non è affatto indifferente. Si sta parlando infatti di 105,5 grammi di anidride carbonica per chilometro percorso. I grammi totali sono soltanto 5 in meno rispetto ad un’autovettura che trasporta 3 persone a bordo. La micro-mobilità non sarebbe dunque così sostenibile come spesso paventato, ma da cosa derivano i numeri della ricerca?

Lo studio ha preso in esame i diversi mezzi di trasporto: treni e tram sono le scelte più sostenibili in assoluto dal punto di vista ambientale, visto che la media dell’impatto è pari a 6 grammi per chilometro a passeggero. Ci sono poi i pullman elettrici e quelli ibridi. Il totale peggiore rispetto a quello dei monopattini è stato invece registrato dagli scooter con cilindrata inferiore ai 750 cc, oltre alle auto endotermiche che trasportano un solo passeggero.

L’impatto degli e-scooter non dipende tanto dalla condivisione e dalla fruizione del mezzo per coprire gli spostamenti che servono ai conduttori. I grammi sono la conseguenza del processo di produzione, del trasporto intercontinentale e dei materiali che vengono impiegati. Per l’assistenza, la sostituzione e la ricarica poi, vengono utilizzati furgoni che a loro volta contribuiscono ad aumentare il livello di emissioni.

Non è la prima volta che i monopattini elettrici vengono presi di mira. In particolare, i membri francesi di "Youth for climate" hanno deciso di avviare un boicottaggio dei servizi di sharing in diverse città transalpine, una protesta particolare che è senza dubbio unica nel suo genere, ma che ha anche le sue motivazioni.