Nasce la mini Alitalia nel segno della discontinuità

La nuova Ita potrebbe partire a giugno: in vendita manutenzione e servizi di terra

Urbeaero Urbeaero

Cominciano a trapelare le prime indiscrezioni su quella che potrebbe essere la nuova Alitalia. Sarà in linea con le indicazioni di Bruxelles la compagnia che raccoglierà l’eredità di Alitalia e su cui il governo è pronto a investire 3 miliardi di Euro. Lo ha riportato ilfattoquotidiano.it in base a quanto spiegato il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti nella sua audizione alla Camera dopo l’incontro avuto ieri con la commissaria europea, Margrethe Vestager. La parola d'ordine della nuova Ita sarà discontinuità: in base a questo verranno cedute le divisioni handling, ossia i servizi di terra, e la manutenzione.

"Credo si andrà verso le gare aperte - spiega Giorgetti - Possiamo immaginare qualche formula semplificata, anche per questo è stata ampliato la terna dell’amministrazione straordinaria, ma non è affatto semplice. Il piano industriale approvato dal consiglio d'amministrazione di Ita ha subito e sta subendo un processo di revisione profonda alla luce delle negoziazioni in corso, in particolare con la commissaria Vestager. Nel frattempo l’amministrazione straordinaria ha ancora in essere un bando costruito in maniera diversa rispetto alla situazione attuale", sottolinea il ministro.

"Parola d’ordine è discontinuità, orientamento al mercato e sostenibilità economica - ribadisce Giorgetti - In particolare il piano recepisce una graduale crescita di strutture operative, staff, rotte, flotta. Focus su due centri, su due hub come Fiumicino e Linate, graduale rinnovo della flotta, forte digitalizzazione e alleanza strategica per accelerare crescita e rafforzare competitività sui mercati internazionali. Lo Stato farà la sua parte ma la compagnia deve poi essere in grado di sostenersi da sola".

Il piano della newco di Alitalia, ha proseguito il ministro, deve avere il parere del parlamento. "Non dobbiamo ripetere gli errori del passato, tema fondamentale è discontinuità, la newco non deve essere parente con Alitalia - prosegue Giorgetti - Questo avrà ripercussioni anche di carattere sociale che stiamo valutando anche col ministro del Lavoro. Servono strumenti per chi non potrà essere accolto a bordo della newco".

In attesa che la nuova compagnia prenda una forma più definita, la commissaria europea Vestager ha garantito che sarà dato via libera alla nuova tranche di aiuti da 55 milioni prevista dal decreto Ristori che Bruxelles aveva congelato in attesa di novità sull’operazione di rilancio della compagnia. "L’obiettivo è la partenza della newco entro giugno-luglio. Per questo dobbiamo accelerare. Il fattore tempo è decisivo. Ho sottolineato questo aspetto anche al commissario Vestager. È nostro interesse che Ita parta il prima possibile. Siamo già in ritardo, Ita doveva essere operativa già ad aprile", conclude Giorgetti.

Non si è fatta attendere la reazione dei sindacati. "Quando il ministro Giorgetti dice che Alitalia per volare deve essere più leggera cosa intende? - chiede Salvatore Pellecchia, segretario generale della Fit-Cisl, dopo l’audizione del ministro - Sono stupito e anche un po’ angosciato da dichiarazioni di questo tenore perché penso alla reazione di 11.500 famiglie che dal 2 maggio 2017 stanno vivendo l’esperienza dell’amministrazione straordinaria e non riescono a vedere la luce fuori dal tunnel", conclude Pellecchia.