Per Nissan arriva il via libera ai test di guida autonoma

In collaborazione con start-up WeRide

Anas Anas

Nissan crede sempre più nella guida autonoma e l’ultima testimonianza emblematica è arrivata dal progetto di una start-up americana che si occupa proprio di questo ambito. Si sta parlando di WeRide, azienda che è supportata proprio dalla compagnia automobilistica giapponese e che ha ricevuto il via libera per quel che riguarda i test di veicoli su strade pubbliche senza che ci sia un conducente di sicurezza sui sedili anteriori. La notizia è stata resa nota dal dipartimento che si occupa dei veicoli a motore dello Stato americano della California, il territorio in cui questo particolare esperimento di mobilità verrà condotto. Tra l’altro, non si deve dimenticare che WeRide viene sostenuta anche da un altro Gruppo attivo nel comparto delle quattro ruote, vale a dire Renault. Il progetto su cui la start-up a stelle e strisce sta focalizzando l’attenzione ha a che fare con un veicolo senza conducente, il quale viene testato persino in Cina, per la precisione nella città di Guangzhou. Ci sono altre società alle quali è consentito testare mezzi autonomi senza quello che viene definito “accompagnatore” ai comandi in California. L’interesse nei confronti di questo tipo di esperienza di guida sta attirando un’attenzione crescente. La lista di compagnie che possono far parte delle iniziative comprende nomi come Waymo di Alphabet, General Motors, e due società cinesi, Baidu e AutoX. Le case automobilistiche e le aziende tecnologiche stanno investendo miliardi nella guida autonoma. L’obiettivo comune è quello di conquistare un ruolo di primo piano nel settore, una leadership che nel lungo termine dovrebbe pagare. Uno degli impegni finanziari più importanti di cui si è parlato di recente è quello di Huawei, società tecnologica che ha sborsato un miliardo di dollari per gli investimenti nel promettente comparto.