Friuli, in corso potenziamento linea ferroviaria Trieste-Venezia

A breve ci sarà anche un tavolo di confronto

"Sono in corso il potenziamento tecnologico e la velocizzazione della linea ferroviaria Trieste-Venezia, che è sempre all’attenzione della Regione: nel merito sono attivi numerosi tavoli di confronto territoriali coordinati dalla stessa Amministrazione. Si tratta di un progetto di interesse nazionale ed è una delle 57 opere pubbliche per le quali di recente il Ministro delle infrastrutture e alla mobilità sostenibile ha individuato i commissari straordinari. Per il progetto della Trieste Venezia, che è compreso nel Contratto di programma Mims-Rfi, il commissario è l’ingegner Vincenzo Macello". Lo ha rilevato l’assessore alle Infrastrutture e al territorio, Graziano Pizzimenti, rispondendo a una interrogazione in sede di Consiglio regionale. “La nostra Regione – spiega Pizzimenti – in considerazione della rilevanza delle opere previste aveva infatti proposto e condiviso con altre Regioni la necessità che le strutture commissariali coinvolgano i territori nella fase progettuale e nella individuazione di dettaglio della localizzazione delle nuove opere o varianti ai tracciati esistenti delle opere ferroviarie e stradali”. “Tale proposta – precisa l’assessore – era stata fatta propria dalla Conferenza delle Regioni e inviata al Parlamento nel contesto dell’esame dei provvedimenti governativi per la individuazione delle strutture commissariali”. In particolare, per le opere sostitutive che interessano i Comuni di Monfalcone e Ronchi dei Legionari è stato attivato nel novembre 2020 uno specifico tavolo di lavoro coordinato dalla Regione e finalizzato a favorire la interlocuzione tra RFI e i due enti civici interessati, e ad accompagnare la fase progettuale. "Finora – puntualizza Pizzimenti – si sono tenuti tre incontri del Tavolo tecnico e un sopralluogo, sempre con la Regione in un ruolo pro-attivo e in tale contesto sono state formulate da parte dei due Comuni le proposte alternative presentate dagli stessi alla stampa, che sono al momento all’esame delle strutture tecniche di Rete Ferroviaria Italiana; a conclusione di questa fase sarà nuovamente convocato il tavolo di confronto".