Man Trucks mette i display al posto dei retrovisori

Il nuovo sistema OptiView è disponibile a partire da ottobre 2021

Man Trucks annuncia l'aggiornamento della sua gamma di veicoli industriali pesanti Truck Generation. Grandi novità in arrivo, dunque, dalla casa tedesca, in tema di sicurezza alla guida e riduzione dei consumi. Una delle più importanti è quella che riguarda OptiView, il sistema di specchietti retrovisori con telecamere e monitor posizionati all’interno della cabina. Con la novità, Man diventa il terzo costruttore europeo dopo Mercedes e Daf a offrire questa soluzione. Il sistema digitale sarà fornito a richiesta a partire da ottobre 2021 e, come riporta il sito www.man.eu, garantisce almeno tre nuovi sistemi di assistenza:

  1. Campo visivo più ampio: l'eliminazione degli specchietti retrovisori esterni amplia il campo visivo diretto e si riduce inoltre l'angolo morto sul lato conducente e passeggero;
  2. Vista adeguata alla situazione di guida: grazie alle viste ampliate dei display il conducente ottiene un'ampia visuale della situazione del traffico e degli altri utenti della strada durante manovre critiche;
  3. Sistema di visualizzazione in qualità HD: i due schermi ad alta risoluzione nella cabina di guida si adeguano automaticamente alla luminosità dell'ambiente, di modo che le immagini siano sempre ben visibili.

Grazie all'impiego delle telecamere esterne il conducente dispone di un campo visivo ancora più ampio attraverso i finestrini laterali. I campi visivi previsti per legge vengono raffigurati sui display: in particolari situazioni di guida, come ad esempio durante svolte o manovre, può essere utilizzata una vista ravvicinata o grandangolare per fornire un sostegno ideale al conducente. Le telecamere poste ai lati e nella parte anteriore del camion riportano le immagini in due monitor ad alta risoluzione posti sui montanti e sullo schermo del sistema multimediale. Il conducente può scegliere diverse possibilità di visione, riducendo gli angoli ciechi. I monitor svolgono anche la funzione di assistenza alla svolta, avvertendo se il veicolo rischia d’investire un pedone o un ciclista posto ai suoi lati.

Man OptiView può generare tre diverse viste delle telecamere offrendo così in ogni momento una visuale ideale per il conducente. Il passaggio tra le diverse viste sui display all'interno del veicolo avviene in automatico a seconda della direzione di marcia, della velocità e dell'angolo di sterzata, ma può anche essere eseguito manualmente tramite il modulo di comando sulla portiera del lato conducente e passeggero. Le zone di visione raffigurate nella vista standard sono paragonabili al campo visivo degli specchietti convenzionali. Una linea divisoria verticale e una orizzontale suddividono la schermata in quattro quadranti asimmetrici. In questi quadranti vengono visualizzati i campi visivi di specchietto retrovisore esterno, grandangolare e di accostamento. Le riprese delle telecamere vengono combinate digitalmente in un'immagine continua, così le zone accanto e dietro al veicolo possono essere rilevate in modo rapido e sicuro. La vista ravvicinata consente di riconoscere più in fretta gli oggetti distanti, come ad esempio veicoli in avvicinamento nella corsia adiacente. A tale scopo viene raffigurata nel quadrante per lo specchietto retrovisore esterno un'inquadratura notevolmente ingrandita. La vista ravvicinata si avvia in automatico a una velocità superiore a 60 km/h e può essere anche attivata manualmente, per esempio nelle manovre in retromarcia.