Rfi: al via il restyling della stazione di Genova Brignole

Interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

Al via gli interventi di restyling e abbattimento barriere architettoniche realizzati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs Italiane) alla stazione di Genova Brignole. Le attività, che si svilupperanno in varie fasi, sono state avviate sul secondo marciapiede della stazione dove sono in corso i lavori di innalzamento a 55 centimetri dal piano binari, standard europeo per i servizi ferroviari metropolitani che faciliterà l’accesso ai treni, e l’installazione dei percorsi tattili per ciechi e ipovedenti con le relative mappe. Il cantiere proseguirà con la riqualificazione delle sale d’attesa esistenti sul marciapiede e con una nuova controsoffittatura della pensilina. Una maggiore percezione di sicurezza e comfort sarà garantita dalla realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione con luci a led ad alta efficienza energetica e da un nuovo sistema di segnaletica. L’investimento di Rfi per questa prima fase è di 3,9 milioni di Euro su un investimento complessivo di 18 milioni di Euro. Seguiranno ulteriori fasi, il cui termine è previsto per il 2024, che prevedono l’innalzamento degli ulteriori tre marciapiedi di stazione, sempre a 55 centimetri dal piano dei binari, la riqualificazione di tutte le pensiline e le sale d’aspetto presenti. La stazione Brignole funge attualmente da stazione di termine corsa di servizi diretti a Genova, sia regionali (treni da Alessandria/Arquata Scrivia/Busalla e da Acqui Terme) che a lunga percorrenza (servizi a medio raggio da Milano e Torino), pur essendo interessata da un intenso traffico passante. In termini di traffico passeggeri l'impianto vede la presenza di circa 60.000 utenti al giorno. La stazione ospita circa 300 treni al giorno ed è gestita da Rete Ferroviaria Italiana (Rfi). La gestione dell'area commerciale del fabbricato viaggiatori è di competenza di Grandi Stazioni.