Press
Agency

Webuild, un altro sfondamento al Terzo Valico dei Giovi

Il cantiere di Fegino è protagonista di un nuovo breakthrough tra la galleria di interconnessione di Voltri e la Galleria di Valico, che sarà la più lunga d’Italia con i suoi 27 chilometri

È stato raggiunto oggi un nuovo traguardo nei cantieri del Terzo Valico dei Giovi. Lo comunica Webuild, la società che sta costruendo questa che è considerata la più importante infrastruttura per la mobilità sostenibile oggi in costruzione in Italia, commissionata da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo Fs Italiane). A un mese di distanza, il cantiere di Fegino è protagonista di un nuovo breakthrough, un nuovo sfondamento tra la galleria di interconnessione di Voltri, binario dispari, e un camerone (già realizzato) della Galleria di Valico, che sarà la più lunga d’Italia con i suoi 27 km. Il binario pari è stato terminato a dicembre 2020: adesso, con il nuovo intervento, l’interconnessione è quasi ultimata. Gli scavi complessivi dell’opera hanno raggiunto un avanzamento progressivo pari ad oltre il 68% del totale: le attività sono state svolte nel cantiere di Fegino, importante crocevia per il collegamento al Porto di Voltri e al Nodo di Genova. Si tratta di due snodi che porteranno a una riduzione dei tempi di trasporto su ruota delle merci che oggi raggiungono il porto dal bacino del Mediterraneo, con conseguenti benefici in termini di riduzione di CO2, come comunicano da Webuild.

Il Terzo Valico dei Giovi aprirà la possibilità di ridare impulso al Porto di Genova, rendendolo sempre più funzionale come hub internazionale: questo grazie anche alle interconnessioni verso Torino, Milano e, quindi, l’Europa, accrescendo la competitività italiane nel mondo. La realizzazione dell’opera rappresenta un forte impulso per la ripresa del settore grazie al coinvolgimento di una filiera di imprese italiane altamente specializzate che dà lavoro, nel complesso, a circa 5 mila persone.

Webuild è fortemente impegnato nel campo della mobilità sostenibile. Solo in Italia, dopo aver completato molte linee ferroviarie ad alta velocità, da Roma a Milano e da Milano a Torino, sta realizzando 18 progetti infrastrutturali che stanno riscrivendo il futuro dell’Italia, in cui è stata coinvolta una filiera di 7.000 imprese italiane: dalla Strada Statale Jonica, alla linea ferroviaria alta velocità/alta capacità Verona‐Padova, alla Metro C di Roma e la metro di Napoli. Il gruppo guidato dall'ad Pietro Salini è, inoltre, al lavoro sui collegamenti europei nell’ambito del programma europeo Ten‐T, con opere come la Galleria di Base del Brennero, che attraverserà le Alpi e sarà il tunnel ferroviario più lungo al mondo con i suoi 64 chilometri, tratte rilevanti dell’alta velocità/alta capacità ferroviaria tra Napoli e Bari, e tra Genova e Milano.

Simili

Trasporto urbano sostenibile al centro Settimana europea mobilità

Circa tremila città partecipano in tutto il continente

Circa 3.000 città di tutta Europa partecipano alla Settimana europea della mobilità di quest'anno che, iniziata ieri, durerà fino a mercoledì 22 settembre. La campagna 2021, il cui tema è "Sicuri ed i... segue

Nasce la mega ferrovia tra Canada Usa e Mesico

Canadian Pacific è il primo collegamento diretto (da 32.000 km) per trasporto merci fra le tre nazioni

Nasce il primo collegamento diretto tra Canada, Usa e Messico. Rotaie che corrono per ventimila miglia, pari 32.000 km, e che attraversano tre nazioni. L'operazione miliardaria riguarda Canadian Pacific... segue

Torino-Lione. Al Piemonte 32 milioni di Euro per opere tutela ambientale e sociale

Approvata convenzione tra Mims, Fs, Telt e Regione

Disponibili per la Regione Piemonte 32,13 milioni di Euro per opere ed interventi di tutela e valorizzazione paesaggistica, ambientale e sociale, correlati alla realizzazione della nuova linea ferroviaria... segue