Press
Agency

Il treno-museo di Villarosa, una realtà culturale unica

Nell’ex-scalo merci della stazione un convoglio del 1943

In un piccolo centro della provincia di Enna, nel cuore della Sicilia, c’è una realtà culturale unica nel suo genere che non ha eguali in Europa. È il Treno museo dell’arte mineraria, civiltà contadina, ferroviaria e dell’emigrazione: un’esposizione etno-antropologica allestita all’interno di vagoni appositamente riadattati e situati nell’ex-scalo merci della stazione di Villarosa di Rete ferroviaria italiana (Rfi). Ad occuparsi dello speciale convoglio, inaugurato l’8 dicembre 1995, è l’associazione culturale "Amici del Treno museo di Villarosa - Amare Villapriolo", che tre anni fa ha ottenuto gli spazi in comodato d’uso gratuito da Rfi. Ma non è tutto. L’8 dicembre 2002 vengono aperte al pubblico anche le Case museo di Villapriolo: a due passi da Villarosa, le antiche abitazioni di emigrati sono state trasformate in veri e propri allestimenti museali. Situato su un altopiano di gesso e zolfo nell’Ennese, con numerose cime di arenaria, Rocca di Cerere è tra gli 11 Geoparchi mondiali in Italia riconosciuti dall’Unesco.

Il nome deriva dall’antica consacrazione del territorio alla divinità Cerere e riflette la stretta relazione tra la mitologia, la terra e l’uomo. Il suo confine è determinato dai nove comuni di Aidone, Assoro, Calascibetta, Enna, Leonforte, Nissoria, Piazza Armerina, Valguarnera e Villarosa. L’area comprende la Villa Romana del Casale, dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco, la polis di Morgantina, uno dei più importanti siti archeologici del Mediterraneo ed il Parco minerario Floristella-Grottacalda, per l’archeologia industriale tra i luoghi più significativi del sud Italia. L’insieme offre un paesaggio ricco di suggestioni. L’interno del convoglio è una fabbrica di emozioni: i vagoni sono stati adibiti a stanze espositive dove preziosi cimeli permettono di rivivere un percorso nella memoria siciliana. Attrezzi e strumenti di lavoro usati nei campi e nelle solfatare mostrano la civiltà contadina e mineraria della zona; in un’apposita sezione, lettere e rare fotografie raccontano le difficoltà dell’emigrazione mentre, in un’altra, un telegrafo, delle lanterne e vari oggetti omaggiano il mondo ferroviario.

Il museo ospita inoltre una minuziosa raccolta di utensili che erano di uso quotidiano nelle case del luogo: numerosi manufatti, stufe, letti in lamiera, mobili d’epoca ma anche arredi appartenuti alle famiglie baronali. Tutti reperti risalenti ai primi del ’900 sapientemente collocati per far rivivere antiche atmosfere e tempi lontani, fruibili nel dettaglio grazie alla catalogazione della soprintendenza dei Beni culturali di Enna. La visita si conclude nel vagone adibito a sala video, dove vengono proiettati filmati storici e dei giorni nostri. Da qui, una navetta porta a Villapriolo, caratteristico borgo di circa 600 abitanti distante sette chilometri da Villarosa. Le abitazioni sono state trasformate in case museo che consentono di conoscere e ammirare le origini e le tradizioni siciliane. Si può scoprire la bottega del ciabattino, poco sopra quella dello zolfataio –l’operaio delle miniere locali– e, di fronte, quella dell’emigrante che negli anni ’60 partì per gli Stati Uniti.

Ma anche la tipica abitazione del contadino e quella del lavoratore giornaliero dei campi, il baglio del grano che custodisce un forno a pietra ed una trebbia del 1937 con ruote in ferro, freni e balestre in legno. Ed ancora, una stalla originale con le attrezzature del tempo, il baglio del casaro per la lavorazione del latte e dei formaggi, gli antichi lavatoi ed, infine, all’interno di un granaio di fine ’800, la Passione di Gesù Cristo in miniatura. Nel 2020, inoltre, il Treno museo si è trasformato in un impeccabile set cinematografico dove girare Il treno dei desideri, un corto realizzato dalla Comunità terapeutica assistita La rinascita di Villarosa, in occasione del primo concorso nazionale di cortometraggi Menti in corti, progetto che ha coinvolto diverse strutture di riabilitazione psichiatrica.

Simili

Trasporto urbano sostenibile al centro Settimana europea mobilità

Circa tremila città partecipano in tutto il continente

Circa 3.000 città di tutta Europa partecipano alla Settimana europea della mobilità di quest'anno che, iniziata ieri, durerà fino a mercoledì 22 settembre. La campagna 2021, il cui tema è "Sicuri ed i... segue

Nasce la mega ferrovia tra Canada Usa e Mesico

Canadian Pacific è il primo collegamento diretto (da 32.000 km) per trasporto merci fra le tre nazioni

Nasce il primo collegamento diretto tra Canada, Usa e Messico. Rotaie che corrono per ventimila miglia, pari 32.000 km, e che attraversano tre nazioni. L'operazione miliardaria riguarda Canadian Pacific... segue

Torino-Lione. Al Piemonte 32 milioni di Euro per opere tutela ambientale e sociale

Approvata convenzione tra Mims, Fs, Telt e Regione

Disponibili per la Regione Piemonte 32,13 milioni di Euro per opere ed interventi di tutela e valorizzazione paesaggistica, ambientale e sociale, correlati alla realizzazione della nuova linea ferroviaria... segue