Press
Agency

Sei briccole e un pontile pedonale nel porto di Brindisi

Pubblicato il bando di gara con base d'asta a 8 milioni di Euro per il potenziamento degli ormeggi delle navi traghetto

Dopo un'iter avviato un paio di anni fa, nel 2019, è stata pubblicata, con una base d'asta di 8 milioni di Euro, la procedura di gara per l'appalto per il potenziamento degli ormeggi delle navi traghetto nel porto di Brindisi. La notizia arriva dall'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale. Passa, dunque, alla fase esecutiva un'opera strategica per il porto di Brindisi, attesa e auspicata da anni, sia dagli organi tecnici competenti, piloti e ormeggiatori, sia dalla Capitaneria di Porto: un'opera, dicono dall'Adsp, ritenuta strategica per lo scalo, finalizzata ad aumentare la sicurezza nelle fasi di ormeggio dei traghetti che attraccano di poppa nelle banchine.

"Il tempo e i fatti ci hanno dato ragione - commenta il presidente di AdSpmam Ugo Patroni Griffi - Finalmente, possiamo dare vita a una delle opere più importanti e strategiche per il rilancio dello scalo di Brindisi. L'intervento - spiega Patroni Griffi - consiste nella infissione in mare, nel porto medio, di sei briccole. Oltre a innalzare significativamente i livelli di sicurezza, avremo la possibilità di aumentare i collegamenti e, quindi, i volumi di traffico. Le ricadute per lo scalo e per tutto il Salento saranno enormi".

L’intervento consiste nella infissione in mare, nel porto medio, di sei briccole collegate tra loro da una passerella metallica, per consentire il solo accesso agli ormeggiatori. La gara è aperta e telematica, con applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità prezzo, è relativa all’appalto integrato "Porto di Brindisi: potenziamento degli ormeggi navi ro-ro a Costa Morena Ovest - Realizzazione di briccole con pontile".

FincantieriFincantieri

Attualmente un'ordinanza della capitaneria di porto di Brindisi vieta l'ormeggio delle navi disposte perpendicolarmente alla banchina, in caso di vento forza 8, riducendo i posti disponibili. Soprattutto in caso di condizioni meteo-marine avverse, l'opera risulterà di fondamentale importanza, migliorando le condizioni di sicurezza delle navi che, al momento, sono tenute in posizione, ossia ferme e in condizioni di sicurezza, solo dalle ancore poste a prora. Attraverso le briccole, invece, verrà garantita la massima sicurezza degli addetti all'ormeggio e delle operazioni di sbarco e imbarco.

Il progetto è stato dichiarato ammissibile e finanziabile con i fondi Poc Puglia 2014-2020 - Por Puglia 2014-2020, "Sistemi di Trasporto e Infrastrutture di Rete - Interventi per la competitività del sistema portuale e interportuale". Il termine per il ricevimento delle offerte è fissato per le ore 12:00 del 21 ottobre prossimo: il termine per il ricevimento dei quesiti e della richiesta di sopralluogo per le ore 21:00 del 8 ottobre, il termine per la pubblicazione del riepilogo dei chiarimenti e dell’espletamento del sopralluogo, il 14 ottobre. L'apertura delle offerte avverrà alle ore 10:00 del 22 ottobre prossimo.

Simili

Fisco e dogane, temi caldi per il diportismo

Maurizio Balducci: "Presentata oggi la nuova guida che raccoglie le regole e dà delle certezze agli operatori che si devono approcciare al nostro settore"

"Nautica, fisco e dogane" è il titolo del convegno che si è svolto questa mattina nella sala Forum al 61° Salone nautico di Genova. Sono intervenuti a dibattere un tema tanto delicato e sempre in prima pa... segue

Salone nautico tutto esaurito per domani

Già oggi i biglietti sono sold out. Qualche malumore per le code al'ingresso

Il 61° Salone Nautico di Genova è già sold out per la giornata di domani sabato 18 settembre. Lo comunica l'organizzazione precisando che la disponibilità degli accessi ha raggiunto il limite massimo e o... segue

Il Nautico di Genova ha bisogno di un aeroporto all'altezza

Carla Demaria: "Lo scalo ligure deve stare al passo, deve poter accogliere gli stranieri a cui teniamo per il futuro sviluppo del Salone"

È stata presidente di Ucina, l'attuale Confindustria Nautica. Ma soprattutto Carla Demaria è stata la prima donna a capo dell'associazione dei costruttori nautici a curare l'organizzazione d... segue