Press
Agency

L'ultimo treno per Orio

Braccio di ferro tra Rfi e Comitato di quartiere di Boccaleone: contestata ferrovia con aeroporto

Si alla ferrovia, no al progetto di Rfi. È questa, in parole povere, la posizione del Comitato di quartiere di Boccaleone in merito al progetto del treno per Orio. Un piano, osteggiato, non voluto, che rischia di creare disagi e degrado a Boccaleone. Un progetto, invece, fortemente voluto da Rfi, che insiste per la linea ferroviaria con i binari a raso che colleghi l'aeroporto di Orio al Serio alla città: redatto da Rete ferroviaria, adesso è al vaglio del ministero della Transizione ecologica. 

Ma il Comitato continua a portare avanti la propria istanza: una ferrovia interrata o semi-interrata per evitare che il quartiere venga tagliato in due dall’infrastruttura. Secondo il comitato di quartiere un seminterramento dei binari all’altezza di via Pizzo Recastello per il treno che collegherà la stazione di Bergamo con l’aeroporto di Orio al Serio non solo è tecnicamente possibile, ma anche realizzabile senza la dilatazione dei tempi stimata da Rfi. 

A questo punto, però, il braccio di ferro si è fatto veramente forte. I cittadini dicono no ai sottopassi proposti da Rfi ed insistono sull'attraversamento a raso, coi binari al di sotto della sede stradale. Per ribadire il concetto, ed in attesa delle autorizzazioni per il progetto Rfi (contestato), il comitato torna in strada lunedì prossimo, 18 ottobre, per manifestare. "Il quartiere deve restare unito -sottolinea il presidente Danila Maida-. Il progetto non porta vantaggi alla città né, soprattutto, a Boccaleone".

Come fare, dunque? Il Comitato, al momento, ha scelto la linea attendista: "Speriamo -dice Maida e con lei tutto il Comitato- che il ministero dell'Ambiente temporeggi sulla Valutazione d'impatto ambientale e non ci siano più i tempi per realizzare l'opera entro il 2025". Dopo l'incontro del 2 settembre coi vertici di Rfi a Palazzo Frizzoni, è stata abbandonata l'idea dell'interramento dei binari: adesso l'obiettivo del comitato di Boccaleone resta il seminterramento. Un'ipotesi che, però, Rfi solo teoricamente non ha bocciato, visto che di fatto si mostra irrealizzabile in quanto troppo dispendiosa, sia come tempistiche che come investimento.

Ed adesso il tempo è sempre meno: il cantiere, infatti, dovrà essere chiuso prima delle "Olimpiadi 2026". "A noi fa paura la fretta per un'opera che serve solo all'aeroporto e non alla città -spiega Elena Zoppetti, architetto, uno degli animatori del comitato-. Se saremo fortunati, i termini scadranno e potremo ridiscutere il progetto nel suo insieme". Perché, conclude Zoppetti, le Olimpiadi portano soldi, ma anche debiti. "Dai Mondiali del ‘90 paghiamo un ingresso in autostrada fatto male", ricorda l'architetto. 

Suggerite

Nuovo collegamento Hupac tra Monaco e Brescia

Tre viaggi di andata e ritorno alla settimana

Nuovo collegamento merci tra Monaco e Montirone, località vicino Brescia. Grazie al nuovo treno shuttle della Hupac, saranno possibili tre inedite connessioni tra l'Italia e la Germania, con tre viaggi... segue

Como, studenti e docenti in ritardo per via dei servizi ferroviari

Le opinioni dei dirigenti di alcuni istituti

I disservizi causati dai ritardi dei treni si riversano sugli studenti. Questo è quello che succede a Como, dove le difficoltà per chi si affida a questo mezzo di trasporto sono all'ordine del giorno. S... segue

Convegno Imprese spedizioni: valore aggiunto per sicurezza agroalimentare

Promosso dalle associazioni del settore della logistica

L’Associazione siciliana operatori spedizionieri e logistica (Associazione Territoriale siciliana aderente a Fedespedi) organizza in collaborazione con Fedespedi e Confetra Sicilia il convegno dal titolo "... segue