info

trainVirgin Hyperloop, primi passeggeri umani per il treno supersonico

Può arrivare fino a 1200 chilometri orari

Le prime volte sono sempre speciali e quella che sta riguardando in queste ore il Virgin Hyperloop non è da meno. Non si tratta di un treno come un altro, la tecnologia pensata per questo convoglio gli consente di raggiungere una velocità massima pari a 1200 chilometri orari, qualcosa di impensabile fino a non molto tempo fa. A chi poteva venire in mente questa idea se non a un visionario instancabile come Elon Musk, numero uno di Tesla? La Virgin ha poi sviluppato i prototipi più interessanti. I primi passeggeri in carne ed ossa sono saliti a bordo dell’Hyperloop nel corso della giornata odierna, lunedì 9 novembre 2020, dopo una serie di esperimenti che in questi ultimi tempi avevano dimostrato affidabilità e sicurezza di un viaggio del genere. Il test con passeggeri umani ha avuto luogo presso un tracciato privato, per la precisione a Las Vegas, in una zona desertica. Sono stati coinvolti due volontari che hanno provato l’ebbrezza di un itinerario brevissimo e intenso.

I 500 metri sono stati coperti in poco più di 6 secondi e a una velocità media di 172,2 km/h; prima della partenza vera e propria, la capsula del treno è stata inserita in una camera di decompressione prima che si creasse il vuoto e si garantisse ogni comfort ai due "pionieri". Il risultato finale è stato giudicato positivamente, un’esperienza paragonata alla tipica accelerata di un’auto sportiva. Per arrivare a un momento come quello di oggi sono serviti 20 mesi e l’obiettivo è quello di riscrivere la storia dei treni con viaggi rapidissimi e in grado di rappresentare una valida alternativa a quelli che si compiono in aereo.