info

trainRoma, ministro De Micheli commissaria linea C della metropolitana

Il Mit vuole velocizzare la realizzazione dei lavori

Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Paola De Micheli, è intervenuta nel corso della giornata di ieri, martedì 10 novembre 2020, nel corso della trasmissione "Tg2 Post" in onda su Rai Due. La titolare del dicastero di Piazzale di Porta Pia ha approfondito in particolare la situazione della linea C della metropolitana di Roma: De Micheli ha sottolineato come si sia deciso di commissariare quest’opera per accelerarne la realizzazione. Il progetto relativo a questa linea è partito nel 2014 per collegare il centro della Capitale fino alla parte Est, per la precisione da San Giovanni fino alla periferia orientale, oltre il Grande Raccordo Anulare.

La lunghezza, una volta completata l'opera, sarà di 25,6 chilometri, con 30 stazioni. La prima tratta di 15 stazioni, Monte Compatri-Pantano-Parco di Centocelle, è entrata in servizio il 9 novembre del 2014, mentre è in costruzione un'ulteriore tratta, lunga circa 3 chilometri e con altre 2 stazioni, che porterà all'interscambio a Colosseo con la linea B. Perché un commissariamento? La decisione di puntare su un commissario straordinario risale a qualche settimana fa, dopo che il Campidoglio ha avanzato una richiesta formale per una figura terza con poteri eccezionali per la costruzione dell’opera.

Il punto sui lavori è presto detto: lo scorso 30 agosto sono finiti gli scavi nel tratto di linea che è compreso tra Via dei Fori Imperiali e Piazza Venezia, lavori che erano stati bloccati a lungo a causa della burocrazia. Il Comune di Roma ha parlato del 2025 come l’anno più probabile per l’ultimazione della fermata “Colosseo” della Metro C, entro il Giubileo che si preannuncia come un evento in grado di attirare turisti da tutto il mondo. Fra cinque anni, invece, la fermata “Piazza Venezia” avrà soltanto l’area superficiale, per tutto il resto serviranno altri fondi che non sono stati ancora stanziati.