info

trainMetro C di Roma: la consegna viene rinviata di 4 anni

Determinante la scoperta di nuovi reperti archeologici

Un ritardo clamoroso e inaspettato: nel corso della giornata odierna, giovedì 19 novembre 2020, si sta parlando parecchio a Roma di una indiscrezione giornalistica che riguarda l'agognata Metro C. Dopo il recente commissariamento della terza linea della Capitale, ora ci sono dei ritrovamenti archeologici che faranno slittare ulteriormente la fine dei lavori, già prolungati di non pochi anni. Il ritardo dovrebbe essere pari a ben 49 mesi, dunque oltre quattro anni, ma cosa è successo di preciso? I rischi che corrono le due "talpe" che stanno effettuando gli scavi (quasi sepolte secondo i giornali in edicola oggi) e il ritrovamento di reperti storici (come avviene spesso in una città dalla lunghissima storia come Roma) hanno suggerito la dilazione del termine che è diventato ora quello del 22 ottobre 2024.

La consegna dell’attesa stazione dei Fori Imperiali doveva avvenire già a settembre, ma la scoperta di un’antica caserma romana nei pressi dell’attuale Via dell’Amba Aradam hanno suggerito maggiore prudenza alla società Roma Metropolitane. Il problema non è di poco conto, in particolare se si pensa a un evento che riguarderà la "città eterna" più o meno nello stesso periodo della nuova consegna. Il Giubileo è stato proclamato per il 2025, di conseguenza Roma rischia di farsi trovare impreparata in occasione di un evento tanto importante. L’attuale capolinea della linea C è San Giovanni e lo sarà ancora per moltissimi mesi: lo "scherzetto" del rinvio verrà pagato molto caro dai romani, costretti a sborsare (non solo loro comunque) altri 150 milioni di Euro.