info

directions_carAnas, in Sardegna si sperimenta la strada a guida autonoma

Il primo test riguarderà la Statale Sassari-Olbia

Autonoma, come la regione da cui partirà questa sorta di rivoluzione stradale. In Sardegna sta per essere sperimentata la prima guida su strada di un’auto che non ha bisogno di conducente, per la precisione lungo la SS 199, quella che collega Sassari e Olbia. Il test è molto atteso, anche perché viene condotto e gestito da Anas (Azienda nazionale autonoma delle strade) e VisLab Ambarella. Il tratto isolano preso in considerazione è lungo 7 chilometri e verrà aperto al traffico in un futuro non troppo lontano dai giorni che stiamo vivendo. La smart mobility di Anas entra dunque nel vivo, la guida autonoma in Italia ha bisogno di tecnologie adeguate e moderne e le premesse sembrano interessanti. L’investimento è stato quantificato in 250 milioni di Euro e l’obiettivo è quello di dar vita a una specie di “laboratorio europeo” di mobilità tecnologica.

I già citati 250 milioni dovrebbero salire progressivamente a un miliardo di Euro, tenendo conto dei contributi europei messi a disposizione dal Pon (Programma operativo nazionale) per le infrastrutture e reti. Come ha sottolineato l’Anas, tra dieci anni i veicoli a guida autonoma in tutto il continente europeo potrebbero essere circa 4 milioni, di conseguenza i passi da compiere in questo momento storico sono importantissimi e strategici. Tra le tratte prese in considerazione per proseguire questi esperimenti si possono citare la A19 Palermo-Catania, la A2 del Mediterraneo, la Orte-Mestre (E45-E55), la statale 51 di Alemagna in Veneto, la tangenziale di Catania, il Grande raccordo anulare di Roma e la A91 Roma-Aeroporto di Fiumicino.