Press
Agency

Il tram Castellammare-Gragnano sul tavolo del ministero

Alcuni storcono il naso. Il Governo dovrà mantenere anche la tratta ferroviaria

Sul tavolo dell'Agenzia per la coesione territoriale il 15 gennaio arriverà una proposta chiamata "Riconversione linea ferroviaria Torre Annunziata-Castellammare di Stabia-Gragnano in tram leggero". Si tratta di un collegamento con quattro fermate, con un sistema di interscambio sulla linea Napoli-Sorrento gestita da Eav, la cui realizzazione sarebbe proprio a cura dell'Ente autonomo Volturno. Il progetto vale circa 33 milioni di Euro e sarebbe reso possibile grazie ai fondi del Contratto istituzionale di sviluppo promosso dal ministro per il Sud e la coesione territoriale guidato da Mara Carfagna. Sarebbe un modo per "risanare i binari trasformati in discarica e dare ai turisti la possibilità di prendere tram e treno" spiegano i curatori del progetto per Eav. Altri non sono per nulla convinti da questa soluzione.

"Il progetto di una linea tramviaria veloce da Gragnano a Castellammare è assolutamente in contrasto con la visione di riqualificazione e rilancio del territorio che stiamo portando avanti in Campania. I 33 milioni previsti per la trasformazione della linea andrebbero investiti, piuttosto, nella sua riqualificazione". Ciò "garantirebbe un trasporto pendolare alternativo, adeguato alle esigenze del territorio, incentivando al contempo il turismo". Riattivare la storica linea equivarrebbe a rilanciare un territorio che rappresenta un patrimonio straordinario per la sua offerta paesaggistica, culturale ed enogastronomica". Lo sostiene il consigliere regionale Luigi Cirillo (M5s). 

La creazione di una linea tramviaria cancellerebbe la presenza di Ferrovie dello Stato dall'area stabiese in un momento in cui la Circumvesuviana da sola non riesce a soddisfare la domanda di trasporto pubblico. Per questo motivo un ordine del giorno a prima firma Teresa Manzo (M5S), approvato a dicembre, ha impegnato il Governo a ripristinare la tratta ferroviaria Castellammare-Gragnano per convertila in turistica, in linea con gli obiettivi del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Suggerite

La variante di Latisana torna in campo

Il progetto è solo sospeso dopo l'incontro tra Rfi e Regione Friuli Venezia Giulia

"Si è rivelato utile e necessario questo meeting perché ci ha permesso di capire che molte cose vanno ancora chiarite". Si è espresso così Graziano Pizzimenti assessore alle Infrastrutture e territorio del... segue

Trenord nella bufera per i tagli sulla Milano-Asso

Pendolari imbufaliti chiedono le dimissioni dell'assessore regionale ai Trasporti

"La Regione dice che hanno cercato di garantire il più possibile le ore di punta, ma sulla nostra linea hanno tagliato pesantemente anche in quelle fasce". Non c'è pace per i pendolari italiani, n... segue

Titolo sospeso per compagnia ferroviaria britannica

Scoperto errore di conteggio durante l'assemblea annuale di Go-Ahead

Le azioni del gruppo di trasporto pubblico ferroviario britannico Go-Ahead sono sospese alla Borsa di Londra. Un segnale che imbarazza la società. La causa di ciò sta in un errore di conteggio avvenuto n... segue