info

cancel

directions_carApple non riesce a dimenticare le auto elettriche

Tanti indizi che riguardano l'azienda americana fanno una prova

Le auto elettriche fanno ancora parte dei pensieri fissi di Apple? La risposta dovrebbe essere tutto sommato positiva, se si tiene conto di quelle che sono state le ultime mosse compiute dall’azienda di Cupertino. Inizialmente si pensava a un vero e proprio veicolo in cui potesse comparire il celebre logo della mela morsicata in evidenza, una sorta di iCar elettrica che ha riempito le pagine dei giornali per mesi. Il progetto in questione sembra accantonato per il momento, anche se la mobilità di questo tipo viene ancora seguita con grande interesse, come ben testimoniato da alcuni dettagli che non devono essere considerati di poco conto. La recente collaborazione con Porsche per un sistema di intrattenimento a bordo del modello Taycan ha "insospettito" non poco, come anche la trasmissione della serie televisiva "Long way up" su Apple TV, un documentario dedicato a una versione elettrica della Harley Davidson.

Il mosaico potrebbe prendere forma, inoltre, grazie all’ultima novità Apple, vale a dire l’integrazione dell’app ChargePoint in CarPlay, una innovazione tecnologica che riguarderà tutte le vetture che supportano il sistema. ChargePoint non è altro che un circuito telematico per la ricarica delle macchine elettriche, ben diffuso negli Stati Uniti e in rampa di lancio persino in Europa. CarPlay è invece il software sviluppato da Apple per gestire alcune funzioni dell'iPhone sul display dell’automobile. Ricerca, prenotazione e attivazione del punto di ricarica: l’applicazione consente di fare tutto questo, sfruttando metodi di pagamento registrati in maniera adeguata. Il servizio appena dettagliato è già realtà in Paesi come Canada, Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Olanda, Norvegia, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito. Se Apple ci sarà, batterà di sicuro un colpo.