info

cancel

directions_carStati Uniti: fra 10 anni ci saranno 500 mila colonnine elettriche

L'amministrazione Biden punta a un piano ambizioso

Mezzo milione, tondo tondo: è questo il numero di colonnine elettriche che gli Stati Uniti intendono installare lungo il vasto territorio a stelle e strisce nel corso del prossimo decennio. L’amministrazione Biden crede molto nell’alimentazione "green" dei veicoli e far capire bene quali saranno i programmi è intenzionata a sostenere questo piano ambizioso. La promessa è quella di far "spuntare" nei cinquanta Stati 500 mila punti di ricarica entro il 2030, un totale che non può essere presso sotto gamba. In effetti, si tratta di cinque volte oltre quello attuale, fermo a quota 90 mila, senza dimenticare l’importante investimento economico. Si sta parlando di circa 5 miliardi di dollari che potrebbero poi tradurrei in un aumento di posti di lavoro per circa mezzo milione di unità. Il progetto non è scontato, ma le premesse sono molto buone, questo non si può negare.

Con un numero del genere di colonnine, si metterebbe a disposizione un’adeguata ricarica per molte auto elettriche presenti in America. Le previsioni e gli scenari futuri sono presto detti: nel 2030 potrebbero esserci 25 milioni di macchine che funzionano in questa maniera e Washington non vuole farsi trovare impreparata. Quando se ne parla nel Paese a stelle e strisce, il riferimento è sempre e soltanto uno. Tesla è il punto di riferimento: l’azienda di Palo Alto fondata da Elon Musk ha scommesso fin da subito sull’elettrificazione e i fatti sembrano dare ragione all’imprenditore americano. Vanno comunque ancora scelti i punti esatti in cui installare tutte queste colonnine, visto che gli Stati Uniti non sono uguali in ogni zona. Ci sono aree rurali in cui non sarà semplice lavorare, diversamente dai numerosi centri urbano che offrono maggiori garanzie. L’obiettivo dei 500 mila punti di ricarica viene ritenuto possibile, a patto che si lavori fin da ora e non si trascuri nemmeno uno dei fronti coinvolti.