info

cancel

directions_boatAssoporti chiede vaccinazioni prioritarie per lavoratori portuali

La nota è stata indirizzata al commissario Arcuri

Fincantieri

Con una nota dei giorni scorsi, indirizzata al Commissario Straordinario Domenico Arcuri, Assoporti ha chiesto che i lavoratori portuali vengano inserite tra le categorie da vaccinare prioritariamente. La nota evidenzia che grazie all’impegno, i rischi e i sacrifici di tante lavoratrici e lavoratori, i porti non si sono mai fermati durante l’emergenza sanitaria e questo ha garantito l’approvvigionamento dei beni essenziali in tutto il Paese. Per tale motivo, nella nota si richiede che dopo le categorie degli operatori socio-sanitari, i residenti e il personale delle RSA e le persone di età avanzate, fra quelli delle “attività essenziali” vengano inclusi i lavoratori dei porti, unitamente al personale delle Autorità di Sistema Portuale, affinché gli stessi possano proseguire in piena sicurezza le proprie attività nella catena logistica del Paese. Nei giorni scorsi, l’Associazione dei Porti Italiani, unitamente a The International Propeller Clubs, ha partecipato con i rispettivi presidenti ad una Tavola Rotonda per valorizzare il cluster marittimo italiano, nel corso della rassegna Asian Logistics Maritime and Aviation Conference. Nel corso della tavola rotonda sono state affrontate importanti tematiche relative alla supply chain globale, alla luce delle innovazioni tecnologiche che si stanno sviluppando in Asia e globalmente. All'Associazione Porti Italiani (Assoporti) aderiscono le Autorità di Sistema Portuale (AdSP) - istituite ai sensi del decreto legislativo n.169 del 2016 (GU 31 agosto 2016); le Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura insistenti sui territori ove esistono porti e l'Unione Italiana delle Camere di Commercio I.A.A. (Unioncamere).