Press
Agency

Il futuro della mobilità elettrica con Atlante

L'azienda e l'espansione delle stazioni di ricarica

Atlante, un'entità del Gruppo Nhoa focalizzata sull'espansione della rete di stazioni per la ricarica veloce e super-veloce dei veicoli elettrici, ha ottenuto per la terza volta un significativo riconoscimento finanziario dall'Unione europea tramite il programma Cef Transport - Alternative Fuel Infrastructure Facility. Questo programma, giunto alla sua quinta edizione, ha destinato 17,2 milioni di Euro a sostegno dell'iniziativa di Atlante. Questo contributo si aggiunge ai precedenti finanziamenti per un totale di circa 90 milioni di Euro, consolidando ulteriormente la posizione di Atlante nell'ambito delle infrastrutture di ricarica per l'elettrico.

Con il nuovo progetto AtlanteHIT, l'azienda si prefigge di implementare oltre 700 colonnine di ricarica in 44 nuove stazioni, suddivise tra 32 dedicate ai veicoli leggeri, come automobili e furgoni, e 12 rivolte ai veicoli pesanti, inclusi camion e bus. Questa espansione è stata accolta con approvazione sia dagli Stati membri dell'Ue che dalla Commissione europea, evidenziando il sostegno all'elettrificazione dei trasporti su scala continentale.

Le nuove installazioni previste dal progetto AtlanteHIT saranno dislocate lungo le arterie principali della rete transeuropea di trasporto (Ten-T), offrendo 12 o 24 postazioni per la ricarica di veicoli leggeri, e 8 per quelli pesanti. Questa iniziativa assume un ruolo strategico all'interno del panorama italiano, caratterizzato da una dotazione ancora limitata di infrastrutture per la ricarica rapida, promuovendo una transizione più fluida verso la mobilità sostenibile.

Suggerite

Il settore della micromobilità in sharing è a rischio?

"I dati dimostrano che monopattini non necessitano obbligo casco"

Il futuro della mobilità in sharing in Italia rischia un forte ridimensionamento. Dopo l’approvazione alla Camera dei deputati lo scorso 27 marzo, il DdL 1086 sul nuovo Codice della strada, in caso di... segue

Tensioni sui dazi auto cinesi (2)

Bruxelles: "Garantiremo concorrenza leale"; Cina: "Difenderemo nostri interessi legittimi"

Le reazioni globali non si sono fatte attendere. La decisione della Commissione europea di aumentare dal 4 luglio i dazi (fra il 7,4% ed il 38,1%) sulle auto elettriche prodotte in Cina ha alimentato le... segue

Primo sì di Bruxelles su dazi per auto cinesi

Nuove tariffe comprese fra 7,4% e 38,1%

L'importazione in Europa di auto elettriche prodotte in Cina dal 4 luglio potrebbe costare molto più cara. È quanto ha deciso nelle scorse ore la Commissione europea, disponendo l'applicazione di nuovi d... segue