info

directions_carMazda, vendite in miglioramento in Europa

Nel Vecchio Continente la casa di Hiroshima punta alle 196 mila unità entro fine anno. Italia +20% nel secondo trimestre 2020

Mazda Motor Corporation ha reso noti oggi i dati finanziari e commerciali del primo semestre dell’anno fiscale. Le vendite complessive si sono attestate a 578.000 unità nel periodo che va dal 1° aprile al 30 settembre 2020. Sebbene il covid-19 continui ad avere un impatto sulle #vendite globali di Mazda, tutte le regioni hanno registrato per il secondo trimestre un miglioramento delle vendite anno su anno. In Giappone, mercato nazionale di Mazda, le vendite del secondo trimestre sono state di 48.000 unità, per un totale di 74.000 unità vendute nei primi sei mesi. Il Nord America ha registrato per il secondo trimestre un aumento dell’1% anno su anno con 104.000 unità vendute, per un totale di 185.000 unità nel primo semestre. In Cina le vendite sono aumentate nei tre mesi dell’1% con 56.000 unità, registrando la vendita di 117.000 esemplari tra aprile e settembre.

L’Europa ha registrato nel secondo trimestre vendite per 54.000 unità, con un totale di 82.000 vetture nella prima metà dell’anno fiscale. Dato che Mazda prevede un'ulteriore ripresa delle vendite nel secondo semestre, la regione europea procede secondo i piani, per arrivare a 196.000 unità vendute in questo anno fiscale, grazie a una gamma aggiornata di crossover che comprende la Mazda MX-30, la prima vettura elettrica della Casa giapponese, e la Mazda CX-3 2021. Mazda Italia ha contribuito con un reale valore aggiunto ai risultati delle vendite europee, registrando una crescita del 20% nel secondo trimestre (dal 1° luglio al 30 settembre 2020) rispetto al 2019, in un mercato pressoché stabile nello stesso periodo di riferimento (sceso solo dell'1%), spinto dalla CX-30, la crossover bestseller Mazda.

Dal primo al secondo trimestre per Mazda sono migliorati anche gli utili grazie all'aumento delle vendite e alla riduzione dei costi fissi, arrivando a un flusso di cassa libero positivo di 95,1 miliardi di yuan, pari a 786 milioni di euro. Nella prima metà dell’anno fiscale, Mazda ha registrato un fatturato netto di 9,2 miliardi di euro e una perdita operativa di 437,1 milioni di euro. La perdita netta è stata di 768,6 milioni di euro. Con le attività di vendita e produzione tornate ai livelli pre-pandemia nella maggior parte delle regioni, le previsioni della Casa di Hiroshima per l’intero anno restano invariate: Mazda continuerà a monitorare la situazione economica e le tendenze della domanda di automobili in ogni mercato in cui vengono distribuiti i suoi veicoli.