info

cancel

directions_carRoma si muove. Stop alla sosta selvaggia dei monopattini nelle aree monumentali

Niente parcheggio dal Colosseo a Fontana di Trevi

Urbeaero

Dopo le critiche giunte dai cittadini e partiti per la mancanza di disciplina di chi usa i monopattini elettrici arriva la stretta sulle regole anche a Roma. Un provvedimento che segue analoghe iniziative prese a Milano le scorse settimane dal sindaco Beppe Sala. Ad annunciare il primo giro di vite contro le due rotelle elettriche abbandonate in malo modo sui marciapiedi e in mezzo alle strade è stato, su Facebook, l'assessore alla mobilità del Comune di Roma, Piero Calabrese. "Nuove misure per i monopattini elettrici in sharing! Per limitare al minimo la sosta indisciplinata dei mezzi abbiamo vietato il parcheggio in aree vicine a monumenti e piazze importanti di Roma: saranno "off limits" piazza Venezia, piazza del Popolo, piazza Trilussa, via del Corso, piazza Navona, Colosseo, Fontana di Trevi e Pantheon. Tutto questo è frutto di un attento monitoraggio e di un confronto svolto con gli operatori sin dall'avvio del servizio, quest'estate" ha scritto in un post sulla sua pagina Facebook l'assessore Calabrese. Che ha aggiunto "da subito abbiamo indirizzato gli operatori a valutare soluzioni per la sosta, tramite vari test svolti su tutte le aree, che ci hanno condotto alla definizione permanente di questo provvedimento. In tal senso ha giocato un ruolo fondamentale l'accesso ai dati degli operatori, accesso obbligatorio ai sensi delle linee guida, che ci ha consentito di studiare da vicino le dinamiche del servizio in sharing. In concreto non sarà possibile chiedere il noleggio del servizio in zone, dove la sosta è vietata grazie alla tecnologia geofencing. Chiunque potrà visualizzare tramite l'app degli operatori sia le aree interdette, sia gli spazi dove invece sarà consentito il parcheggio". Dopo il caos e la mancanza arriva dunque un po' d'ordine per coniugare le giuste esigenze di mobilità cittadina in modalità sostenibile con il decoro e il rispetto delle norme di convivenza civile.