info

cancel

trainCina: operativo treno a levitazione magnetica

Lo ha sviluppato la compagnia locale Crrc

Ferrovie dello Stato Italiane

Un modello di treno nuovo di zecca: la Cina guarda con fiducia al settore ferroviario e lo fa con un convoglio che sta destando una certa curiosità mista a rispetto per l’innovazione industriale che Pechino sta dimostrando. La compagnia locale Crrc (sigla che sta a identificare l’azienda Changchun railway vehicles) ha scelto di fabbricare un treno a levitazione magnetica e caratterizzato anche dalla velocità medio-bassa. Il modello è nuovo e anche la velocità è di tutto rispetto, dato che il mezzo in questione può arrivare fino ai 120 chilometri orari. A cosa servirà di preciso e quando verrà impiegato? Crrc vuole sfruttare il treno a levitazione magnetica lungo la linea ferroviaria turistica della città cinese di Qingyuan: si tratta di una località che sorge nella parte meridionale dell’ex impero celeste, nello specifico nella provincia del Guangdong.

Il convoglio è stato dotato di tecnologia maglev. La repulsione e l'attrazione magnetica vengono utilizzate anche come mezzo di locomozione. Dato che il convoglio non tocca le rotaie, l'unica forza che si oppone al suo moto è l'attrito dell'aria. Il maglev sarebbe quindi in grado di viaggiare a velocità elevatissime (oltre i 600 km/h[1]) con un consumo di energia limitato e un livello di rumore accettabile. Tra l’altro, il trasporto si fa apprezzare per la capacità indiscussa nelle salite, il corto raggio per quel che riguarda la sterzata e il livello di rumore che è molto limitato. Le carrozze sono sostanzialmente tre e il numero di passeggeri che può essere trasportato arriva fino a quota 500 nel corso di un viaggio singolo. Tra l’altro, i costi sono contenuti, senza dimenticare i tempi di produzione che rappresentano un ulteriore vantaggio. I viaggi ideali sono quelli dei pendolari nelle città e anche quelli nelle aree cittadine, più precisamente nei pressi delle destinazioni turistiche principali.