Press
Agency

Primo sì di Bruxelles su dazi per auto cinesi

Nuove tariffe comprese fra 7,4% e 38,1%

L'importazione in Europa di auto elettriche prodotte in Cina dal 4 luglio potrebbe costare molto più cara. È quanto ha deciso nelle scorse ore la Commissione europea, disponendo l'applicazione di nuovi dazi compresi fra il 7,4% ed il 38,1%. Al momento l'import di veicoli cinesi ha ancora una tariffa pari al 10%. La misura adesso dovrà essere confermata dai governi degli Stati membri.

Tuttavia, la decisione divide l'Europa. L'Italia plaude l'aumento delle tariffe, ma frena su una possibile guerra commerciale contro Pechino. Ci sono Paesi membri favorevoli perché ritengono così di proteggere l’industria automobilistica nazionale e convincere i marchi cinesi ad aprire fabbriche nel Vecchio continente. Fra queste Nazioni figurano Francia e Spagna. 

Altri Paesi invece sono contrari per il timore di ritorsioni da parte di Pechino: di fronte a nuovi ostacoli al commercio globale i costruttori di auto asiatici stringeranno nuove alleanze per evitare di farsi concorrenza, come annunciato ieri dal Gruppo Gac e da Changan Automobile. Inoltre, essendo cinesi le maggiori aziende globali che trattano terre rare, materie prime e componenti per auto, secondo alcuni analisti Pechino potrebbe "vendicarsi" aumentando i prezzi. Per questo motivo la Germania, l'Ungheria ed altri Paesi dell’Europa centro-orientale si sono dichiarati contrari. Tuttavia, per ribaltare la decisione servirà una maggioranza qualificata al Consiglio Ue, ossia di almeno 15 voti. 

Questi nel dettaglio i nuovi dazi: il costruttore cinese più colpito sarà il Gruppo Saic (controlla Mg Motor) con tariffe fino al 38,1%. Seguono le auto di Geely (Volvo, Polestar e Smart) con una gabella del 31%, mentre Byd andrà incontro ad una tariffa del 27,4%. Per la maggior parte degli altri costruttori cinesi, almeno per coloro che hanno collaborato all'indagine antidumping di Bruxelles, il dazio è fissato al 21%.

Sull'argomento vedi anche la notizia pubblicata da Mobilità.news

Collegate

Auto elettriche: possibile accordo Cina-Ue

4 luglio 2024 dovrebbero entrare in vigore tariffe aggiornate su importazioni

Pechino e Bruxelles continuano a negoziare per trovare un punto di incontro sulla questione dei dazi commerciali sulle importazioni nel Vecchio continente di veicoli elettrici prodotti da marchi automobilistici... segue

Auto elettriche: Pechino chiede di togliere dazi Ue

Bruxelles: "C'è stato colloquio costruttivo, le parti continueranno a confrontarsi"

Il prossimo 4 luglio 2024 dovrebbero entrare in vigore nell'Unione europea i nuovi dazi commerciali sulle importazioni di auto prodotte in Cina. Le tariffe aggiornate prevedono aumenti fino al 38,1% per... segue

Tensioni sui dazi auto cinesi (2)

Bruxelles: "Garantiremo concorrenza leale"; Cina: "Difenderemo nostri interessi legittimi"

Le reazioni globali non si sono fatte attendere. La decisione della Commissione europea di aumentare dal 4 luglio i dazi (fra il 7,4% ed il 38,1%) sulle auto elettriche prodotte in Cina ha alimentato le... segue

Dazi di Bruxelles sulle auto elettriche cinesi

Potrebbero arrivare fino al 25% per ogni veicolo importato dall'Asia

I dazi europei sulle importazioni di veicoli elettrici cinesi potrebbero arrivare fino al 25%. La nuova misura stabilita dalla Commissione europea entrerà in vigore a partire da luglio 2024 ed interesserà i... segue

Tensione Cina-Ue sulle auto elettriche

Pechino chiede a Bruxelles di pronunciarsi il prima possibile

L'Unione europea potrebbe presto annunciare dazi del 10-25% sui veicoli importati dalla Cina. Nei giorni scorsi una misura simile è stata già adottata dalla Turchia, che ha introdotto una tariffa pari a... segue

Bruxelles valuta dazi su auto cinesi

Dombrovskis: "Utilizzeremo nostri diritti per difenderci da distorsioni del mercato"

Bruxelles conferma che l'Unione europea potrebbe introdurre dazi commerciali sulle auto cinese. Si tratta di veicoli prodotti nel Paese del Dragone, per la maggior parte elettrici, ed importati nel Vecchio... segue

Suggerite

Sull'autostrada A3 si paga in contanti

Strano caso della Napoli-Salerno che non accetta molte carte di credito

Si moltiplicano i disagi per chi viaggia sulla autostrada Salerno-Napoli. Il motivo? Sulla grande arteria di comunicazione A3 dal primo maggio 2024 non sono più accettate le carte di credito del circuito... segue

Puglia: presentata la nuova flotta bus a metano e progetti futuri

Efficienza, sostenibilità ed investimenti nel trasporto urbano di Foggia e Bari

Questa mattina, l'assessore regionale ai Trasporti della Puglia, Debora Ciliento, insieme all'assessore al Bilancio Raffaele Piemontese, ha partecipato alla cerimonia di presentazione della nuova flotta... segue

Bologna potenzia Polizia locale con nuova flotta di veicoli eco-friendly

Mezzi ibridi ed elettrici per migliorare efficienza e sostenibilità operativa

Il Comune di Bologna ha recentemente potenziato la flotta della Polizia locale con l'acquisto di otto nuovi veicoli, migliorando ulteriormente le capacità operative del servizio. Questo aggiornamento... segue