info

directions_boatADM, porto Livorno: sdoganamento in mare anche per merci alla rinfusa

La sperimentazione durerà 6 mesi

Fincantieri

Lo "sdoganamento in mare", già operativo dal 2014 presso l’Ufficio dell'Agenzia Dogane e Monopoli di Livorno limitatamente alle merci in container, viene esteso anche alle navi mono cliente che trasportano merci alla rinfusa diverse da quelle sottoposte ad accisa ai sensi del Decreto legislativo numero 504 del 1995. Dallo scorso mese di gennaio, per una durata di 6 mesi, è avviata la sperimentazione della procedura doganale volta a snellire e velocizzare il traffico delle merci nelle aree portuali, che consente agli operatori – anche nel caso di merce alla rinfusa – di anticipare la presentazione del manifesto delle merci in arrivo e delle relative dichiarazioni doganali prima che la nave arrivi in porto, avvalendosi del sistema di monitoraggio della Capitaneria di Porto. L’importante iniziativa rientra tra le innovazioni procedurali che, intervenendo sulla tempestività e fruibilità delle informazioni, velocizzano i traffici commerciali in ambito portuale e sostengono lo sviluppo dei nostri porti.

Nello scalo labronico, in linea con le ulteriori attività messe in campo già da tempo grazie alla collaborazione fra ADM e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, viene messo a disposizione un nuovo strumento di operatività a sostegno della speditezza dei traffici commerciali e per una gestione più efficiente della componente logistica connessa alla movimentazione delle merci. Giusto un mese e mezzo fa, proprio i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli (ADM) di Livorno hanno scoperto un’importante frode su alcune spedizioni dalla Cina di inneschi di fuochi pirotecnici. La partita di merce, dichiarata come candele per accensione di motori a scoppio, è stata selezionata dal circuito doganale di controllo, la cui verifica ha permesso di individuare l’erronea classifica e la reale natura della merce. I successivi approfondimenti del Reparto antifrode hanno portato a ipotizzare degli illeciti. Le indagini si sono concluse con la denuncia di contrabbando aggravato e di falso.