info

cancel

directions_carNasce il logo Stellantis

A un passo dalla fusione è stato presentato il marchio, simbolo dei 14 marchio riuniti insieme

Psa e Fiat Chrysler Automobiles svelano il logo Stellantis, il nuovo gruppo che nasce dalla fusione dei rispettivi business dando alla quarta casa automobilistica al mondo. La presentazione del logo, sottolineano le aziende, segna un altro passo verso il completamento della fusione, previsto entro la fine del primo trimestre 2021, subordinatamente al soddisfacimento delle condizioni di closing, inclusa l'approvazione da parte degli azionisti di entrambe le società nelle rispettive assemblee straordinarie e il soddisfacimento dei requisiti antitrust e altri requisiti normativi. In Stellantis, lo ricordiamo, confluiranno i brand di Psa (Peougeot, Citroën, Opel e Ds Automobiles) e quelli di Fca (Jeep, Dodge, Ram, Alfa Romeo, Maserati, Fiat, Lancia, Abart e Mopar). Il logo ha due versioni, una con sfondo blu e l'altra con sfondo bianco, e rappresenta un cielo stellato in cui compare il nome Stellantis: al centro, intorno alla lettera A, le stelle che rappresentano i brand del gruppo. Nella versione animata del logo appaiono prima le stelle e poi, a partire dalla A, il nome Stellantis.

"Il logo con il nome Stellantis, una sorta di corona di stelle intorno alla lettera A, rappresenta il ricco patrimonio delle due società fondatrici e la forza dell'insieme dei 14 marchi automobilistici del nuovo gruppo nonché la diversità di talento e know-how dei suoi dipendenti in tutto il mondo. Insieme al nome Stellantis, che deriva dal verbo latino stello e significa essere illuminato di stelle, il logo è la rappresentazione visiva dello spirito di ottimismo, energia e rinnovamento di un'azienda caratterizzata dalla sua diversità e innovatività e determinata a essere uno dei leader nella nuova era della mobilità sostenibile", riporta un comunicato dell'azienda.

Per quanto riguarda la fusione, allo stato attuale l'attesa è per l'Antitrust Ue, anche se, di recente, il ceo di Fca, Mike Manley, ha dato indicazioni rassicuranti sul confronto in atto con l'Autorità. "Ci aspettiamo di raggiungere un risultato soddisfacente per tutti con la Commissione europea entro i tempi previsti per la nostra fusione", ha detto manley durante la presentazione dei risultati trimestrali del gruppo automobilistico, parlando degli accertamenti dell'Antitrust Ue che ha aperto una istruttoria in merito al segmento dei veicoli commerciali leggeri. "È stato scritto molto riguardo l'Antitrust in Europa. Come sapete la fase 2 dell'istruttoria della Commissione europea è in corso e sono contento di dire che abbiamo avuto scambi molto costruttivi", ha dichiarato ancora Manley, ricordando che "Fca e Psa hanno proposto degli impegni per rispondere alle questioni sollevate dalla Commissione, che ora li sta esaminando".

In Italia, intanto, proseguono gli incontri e le riunioni aventi a oggetto proprio la fusione Fca Psa. Ieri, si è svolto un incontro del tavolo dell'automotive promosso dal presidente del Consiglio regionale della Regione Lazio Mauro Buschini con i sindaci del territorio e i sindacati. Secondo quanto è emerso dal tavolo, Invitalia sarebbe disponibile a seguire il tavolo nella redazione di un progetto di sviluppo territoriale, osservando attentamente se le idee che stanno emergendo in questo tavolo di lavoro possano trovare una soluzione in un progetto complessivo.

"La nostra preoccupazione - spiega il sindaco di Cassino, Enzo Salera - in particolare è sul settore dell'automotive; migliaia e migliaia di posti di lavoro possono essere a rischio; su questo ci sarà tutto il nostro impegno a sollecitare scelte importanti, non solo oggi ma nei prossimi difficili mesi. Per questo ho partecipato al tavolo telematico organizzato dalla Regione Lazio su Fca e sul comparto automotive: strumenti per rendere appetibile il territorio. Questo tavolo è stato presieduto dal presidente del consiglio Regionale del Lazio Mauro Buschini e ha visto la presenza, tra gli altri, del sottosegretario allo sviluppo economico Gian Paolo Manzella. Sia la Regione che il governo hanno chiara la centralità del Lazio Meridionale e di questo settore così strategico; sono sicuro che le Istituzioni, le aziende e le forze sociali, riusciranno a lavorare tutti insieme per raggiungere obiettivi fondamentali che ricadranno sulla vita vera di migliaia di persone".